Cerca nel sito

Pan Ducale

Ricetta inviata da FDM il 03/25/2008

E' il dolce tipico abruzzese, dalla forma rettangolare, proveniente da un'antica e nobile ricetta del 1352. La ricetta base, composta da uova, zucchero, farina e mandorle, è stata arricchita nel tempo con cioccolato puro e canditi per esaltarne il gusto. Per apprezzare appieno l'aroma degli ingredienti si può gustare bagnato con dell'Amaretto e ricoperto di panna montata.

Difficoltà
Facile
Ingredienti
  • 6 uova
  • 200gr di farina
  • 250gr di zucchero
  • 125gr di mandorle (25gr amare)
  • 100gr di ottimo cioccolato fondente
  • 100gr di cedro candito
  • 1 limone
  • cannella in polvere
  • 1 bustina di lievito
  • sale
Preparazione

Tritare le mandorle con la buccia e tagliare il cedro molto sottile.

Grattugiare il cioccolato.

In una ciotola lavorare bene i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un composto soffice e spumoso.

Aggiungere la scorza grattugiata di limone, una spolverata di cannella e pian piano la farina setacciata con il lievito.

Unire il cioccolato, il cedro e le mandorle, sempre continuando a mescolare (se non trovate le mandorle amare aggiungere qualche goccia di aroma mandorla amara).

Da ultimo incorporare delicatamente gli albumi, montati a neve fermissima con un pizzico di sale.

Versare il tutto in uno stampo rettangolare imburrato e infarinato e cuocere in forno caldo a 160°C per circa 50 minuti.

Lasciar raffreddare nel forno spento prima di sformare.

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questa pagina.

Autore
FDM

aggiorniamo il profilo? Ma sì dai, anche se sono sempre io…Federica, classe 1973, abruzzese d’origine e toscana d’adozione, malata di cookermania da 4 anni e più con tendenza ad un forte aggravamento dei sintomi :o) Cancerina 100% rispecchio fedelmente le caratteristiche del mio segno: tenace e testarda, malinconica, riflessiva (anche troppo!), lunatica e metereopatica, ma anche dolce, fedele e sensibile, leale e sincera, detesto l’ipocrisia in tutte le sue manifestazioni. Orgogliosa e permalosa, tanto comprensiva con gli altri quanto intransigente con me stessa, dopo una vita “non vissuta” (o vissuta solo per metà e anche meno) il 2008, anno bisesto ma NON funesto :o), posso davvero segnarlo come l’inizio della rinascita. Ancora abbastanza lontana dall’essere pienamente “innamorata della vita” ho capito finalmente che vivere di rimpianti e di rimorsi non aiuta…meglio allora guardare con speranza al futuro anziché voltarsi con malinconia al passato e in questo cambio di rotta anche Cooker (dove ho trovato persone meravigliose) ci ha messo lo zampino.

Per il resto, la cucina rimane ancora il mio antistress preferito, AMO sempre pasticciare (soprattutto dolci e primi piatti), inventare e sperimentare, e tra un disastro e un manicaretto la “cavia” vive, sopravvive, gusta e incoraggia!

Qui ho imparato davvero tanto ma la strada è ancora lunga…ragion per cui, ragazzi, domani mi sa che mi ritroverete ancora qui a sbirciare per carpire qualche altro prezioso trucchetto *^_^*

Ormai non riesco più a fare a meno di voi! Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeee

(agg. 5/2009)

Condividi questa pagina:

Permalink url: http://www.cooker.net/doc/463479FB48C67E90C12574150055E631