Cerca nel sito

Conserve per tutte le stagioni (3 parte)

di avalon - 06/28/2006

Squisiti per preparare bibite e ghiaccioli in piena estate, alternativi alle inflazionate e gasatissime lattine, gli Sciroppi sono buoni e facili da preparare.






Vi propongo gli sciroppi di:
- Limone
- Arancia
- Rosa
- Amarena

Sciroppo di Limone

  • Succo di limone
  • Zucchero
Spremere dei limoni, filtrare il succo e pesarlo. Pesare una quantità doppia di zucchero (per 500 g di succo di limone, 1000 g di zucchero), unire in una casseruola il succo e lo zucchero e mettere al fuoco a fiamma bassa, mescolando. Far bollire circa 10 minuti. Raffreddare e mettere in una bottiglia ben chiusa. Si usa, con aggiunta di acqua e ghiaccio per fare bibite dissetanti, oppure per fare ghiaccioli casalinghi o per condire un gelato al limone o… fate voi.

Sciroppo di Arancia

Si usa lo stesso procedimento dello Sciroppo di Limone. Originario dell'Oriente, l'Arancio si diffuse in Europa dapprima nella sua varietà "amara" chiamata "melangolo", mentre la varietà dolce si diffuse nell'area mediterranea e in Portogallo verso il 1400 (in alcuni dialetti viene chiamato "purtugal").
Conosciamo tutti le qualità nutritive di questo agrume che viene anche impiegato per la cura della pelle (ottima una maschera a base di argilla e succo di arancia), per la preparazione di profumi e in erboristeria dove sia le foglie che i fiori, profumatissimi, hanno proprietà calmanti del sistema nervoso.

Sciroppo di Amarene

  • Amarene ben mature o Visciole
  • Zucchero
Lavare e asciugare bene la frutta e lasciarla circa un'ora al sole. Togliere il picciolo e, con le mani, schiacciare le amarene lasciandole con il loro nocciolo.
Mettere a riposare per 24 ore in una terrina di vetro o di ceramica coperta da una telo. Quindi strizzare bene tutto il succo, servendovi di una pezza di cotone o di lino.
Pesare il liquido e, per ogni parte di esso, pesate il doppio di zucchero (500 g di succo di amarena, 1000 g di zucchero). Unire in una casseruola i due ingredienti, mettere al fuoco mescolando e far bollire per circa 15 minuti. Mettere in una bottiglia e usare a piacere per fare bibite e per accompagnare gelati o altri dolci.

Sciroppo di Rose

  • Rose da sciroppo 300 g
  • Acqua 1 litro
  • Zucchero 2 Kg.
  • Limoni n° 2
Staccare i petali alle rose che devono essere della qualità adatta allo sciroppo. Metterli in un contenitore largo di vetro o ceramica, unirvi i due limoni tagliati a fette con la scorza, versare sul tutto 1 litro di acqua bollente e lasciar riposare per 24 ore. Quindi strizzare bene il succo aiutandovi con un telo di cotone o di lino, mettere al fuoco con i 2 Kg. di zucchero e, da quando incomincia a bollire, lasciar cuocere 15 minuti, eventualmente schiumando. Imbottigliare in bottiglie scure.

Sulle Rose si potrebbe scrivere un articolo intero. Numerose le varietà per colore, profumo, portamento. Diciamo solo che la rosa viene utilizzata nella lavorazione dei profumi, nei prodotti per la bellezza e la cura della pelle, specie per bruciature e afte. Un uso moderato di Sciroppo di rose è rinfrescante per l'organismo, specie in primavera. In estate è consigliabile berlo con aggiunta di acqua e ghiaccio, in inverno con acqua ben calda, per combattere le infreddature.

Solo per adulti, e quindi per tutti noi Cookernauti, abituati alle procelle di pasti un po' troppo abbondanti e gustosi, ecco le ricette dei Liquori, alcuni dei quali adatti proprio a stomaci adusi a qualunque battaglia.

- Desgropa
- Idromele
- Liquore di Erba Luisa
- Rosolio di Rose

Liquore di Erba Luisa

  • Una ottantina di foglie di Erba Luisa fresca
  • 500 g alcool a 90°
  • 500 g acqua
  • 500 g zucchero
Pulire bene le foglie di Erba Luisa, sistemarle in un barattolo di vetro, coprire con l'alcool, chiudere ermeticamente e lasciar riposare per circa un mese. Preparare quindi uno sciroppo facendo sciogliere in una casseruola lo zucchero nell'acqua, scaldando e facendo bollire qualche minuto.
Far raffreddare lo sciroppo e aggiungerlo al liquido alcolico filtrato. Conservare in una bottiglia scura ben chiusa.
E' digestivo.

Con lo stesso sistema si possono fare liquori di molte erbe, limoncello, liquore di arancia, di mirtilli e quant'altro. Nei liquori di agrumi, si usano le scorze non trattate e prive della parte bianca. Per ogni scorza, 100 g di alcool, 100 g di acqua e 100 g di zucchero.

Rosolio di Rose

  • 100 g di Rose da sciroppo
  • 300 g zucchero
  • 300 g acqua
  • 350 g alcool a 90°
Frullare i petali di rosa e mettere il composto in un barattolo di vetro a chiusura ermetica insieme all'alcool.
Dopo circa 15 giorni, fate uno sciroppo, scaldando a fiamma bassa e facendo bollire circa 10 minuti l'acqua e lo zucchero. Quando sarà freddo, aggiungete lo sciroppo alle rose in alcool e lasciate riposare ancora per circa 40 giorni. Filtrate, strizzate bene le rose aiutandosi con una pezza di lino o cotone e conservate in una bottiglia scura, ben chiusa.

E per finire, stuzzicante connubio tra l'innocenza della frutta e la trasgressione dell'alcool, eccovi la Frutta sotto spirito:

Uvetta sultanina

  • Uvetta sultanina di ottima qualità
  • Grappa oppure Brandy
Lavare bene l'uvetta in acqua calda, lasciarla ammollare per circa 30 minuti, asciugarla con un canovaccio e lasciarla anche qualche ora sopra un panno asciutto.
Metterla quindi in un vaso di vetro, coprire di brandy oppure di grappa e chiudere ermeticamente.

Uva Italia sotto grappa

  • Uva Italia
  • Grappa
Scegliete dell'uva Italia bella e soda, pulitela accuratamente e tagliate gli acini lasciando un pezzetto di picciolo attaccato. Sistemare l'uva in un vaso di vetro a bocca larga, coprire con grappa, meglio se di moscato. Consumare dopo due o tre mesi.

Anche per quanto riguarda l'Uva, sarebbe necessario un articolo intero per descrivere almeno una parte delle sue qualità. La vite è coltivata dall'inizio dei tempi e si dice che fu Noè il primo a trasformare l'uva in vino.
L'uva contiene più del 10% di zucchero (glucosio e levulosio) direttamente assimilabile dall'organismo. Herpin ha fatto un confronto tra la composizione del latte materno e il succo d'uva e il risultato lo ha portato a chiamare quest'ultimo "latte vegetale". L'uva fornisce molte calorie, è digeribile, energetica, ricca di sali minerali, lassativa, diuretica e rinfrescante. Esistono ricette disintossicanti e dimagranti a base di sola uva.
Per uso esterno è cicatrizzante e utile nei disturbi agli occhi. Il succo è un buon tonico per la pelle, mentre dai semi si estrae l'olio di vinaccioli ricco di vitamina E. L'uva passa è molto energetica e possiede anche virtù terapeutiche.

Prima parte
Seconda parte

Autore
no picture
avalon

Mamma di Babette e Marie Curie. Ho molti interessi, tra cui, ahimè, il buonmangiare. Prediligo la cucina ligure, ricca di erbe aromatiche e verdure.

Grafoanalista, pittrice per passione, erborista per vocazione, ricarico "le batterie" con la buona lettura, l'arte e la natura

Commenti
conserve per tutte le stagioni (Rosetta G.)
. . Lo zucchero (Avalon)
Conserve per tutte le stagioni - 3 parte (Samy)
. . Mi unisco... (Michelamor)
. . . . La desgropa (Avalon)
. . . . . . Ciao Avalon... (Michelamor)
. . . . . . . . Resto in trepida attesa! (Avalon)
. . Grazie a te (Avalon)
sterilizzare!! (Carotina)
. . Conserve (Avalon)
. . . . grazie! (Carotina)


Condividi questa pagina:

Permalink url: http://www.cooker.net/doc/314B871067AECF2DC1257192002CD58A